Vai al contenuto

William Faulkner

Illustrazione di Alessia Iuliano

di Quincy Baltimore

William Faulkner 

Mentre morivo 
mi ricordai di quando fui 
nel ventre di mia madre 
la fiacca prima di voltarsi 
l’altro lato 
e cominciare: 

Desiderio 
Rancore 
Rabbia esplosa tra le mani 
trappole per non far morti 
altri 
e cosa non penava il corpo 
a macchinarsi addosso 
situazioni in prese magistrali 
e separare i ricavati della pelle
in fitte fratture dettate dal 
sonno 
la fiacca prima di spogliarsi 
a mendicare forma 
che ti chiuda amplessamente 
poi annullare
tutto dentro 
tanto è buio 
non si vede cosa sento 
io 
laggiù?

Terra. 
Dormirci sopra 
è sempre stato uno scolare 
sangue 
impregna schiavi 
a contraddire il tuo paesaggio 
con un’ombra 
quella mia 
s’inchina in loro il sole
allarga il vano che mi porta 


a Quincy Baltimore

Quincy Baltimore è lo pseudonimo utilizzato da un classe 1995 residente a Roma. Suoi scritti in prosa o versi sono al momento apparsi su «Neutopia», «The Bookish Explorer» e «Sulla quarta corda».

Lascia un commento