Apate (L’inganno)

di Giovanni Giordano

Apate (L’inganno)

Un filo di fumo
Balla nella penombra
E s’intreccia con la luna
Mentre i miei incubi
Succubi, giacciono chiusi
Tra urli muti
In prigioni di cubi.

  – ogni ombra ricama placida
coperte per l’anima-

La notte cinica ammassa
Corpi senza essenza
In una danza macabra
In cui ogni ombra smembra
Le diurne e inutili
maschere di cera.

Giovanni Giordano nato a Napoli nel 1995, si è laureato in Economia delle imprese finanziarie presso l’università Federico II; frequenta attualmente il corso di economia e finanza. Collabora sporadicamente per la rivista letteraria “L’Elzeviro” e la rivista “Iris” le quali ha pubblicato diverse poesie.

Lascia un commento